Martedì 14 maggio prende il via la 77. edizione del Festival di Cannes. C’è molta attesa per il ritorno in grande stile dei registi della generazione della New Hollywood anni ’70, da Francis Ford Coppola a Paul Schrader, ma anche pr il nuovo film di Paolo Sorrentino, Parthenope, e per quello del greco Yorgos Lanthimos, Kinds of Kindness.

La manifestazione si concluderà sabato 25 maggio con l’assegnazione della Palma d’oro. Quella onoraria alla carriera è già andata all’attrice statunitense Meryl Streep, premiata in apertura di Festival. Mentre il regista e sceneggiatore statunitense George Lucas, creatore della saga di Star Wars, riceverà lo stesso premio in chiusura.

Coppola porta sulla Croisette Megalopolis, film a cui pensa da anni. Il protagonista è Adam Driver, mentre quello del film di Schrader, Oh, Canada, è Richard Gere, col suo personaggio, da giovane, interpretato dal corteggiatissimo Jacob Elordi.

Parthenope di Paolo Sorrentino racconta la storia di una donna tra Capri e Napoli dagli anni ’50 a oggi. La protagonista è interpretata dall’esordiente Celeste Dalla Porta e nel cast figurano, tra gli altri, Stefania Sandrelli, Luisa Ranieri, Silvio Orlando, Isabella Ferrari e Gary Oldman. Il regista presenta il suo film così: “La vita di Partenope, che si chiama come la sua città, ma non è né una sirena, né un mito. Dal 1950, quando nasce, fino a oggi. Dentro di lei, tutto il lunghissimo repertorio dell’esistenza: la spensieratezza e il suo svenimento, la bellezza classica e il suo cambiamento inesorabile, gli amori inutili e quelli impossibili, i flirt stantii e le vertigini dei colpi di fulmine, i baci nelle notti di Capri, i lampi di felicità e i dolori persistenti, i padri veri e quelli inventati, la fine delle cose, i nuovi inizi. Gli altri, vissuti, osservati, amati, uomini e donne, le loro derive malinconiche, gli occhi un po’ avviliti, le impazienze, la perdita della speranza di poter ridere ancora una volta per un uomo distinto che inciampa e cade in una via del centro. Sempre in compagnia dello scorrere del tempo, questo fidanzato fedelissimo. E di Napoli, che ammalia, incanta, urla, ride e poi sa farti male”.

Altro italiano presente nella Selezione ufficiale – nella sezione Un Certain Regard – è invece Roberto Minervini con I dannati. Poi Fuori concorso c’è la serie L’arte della gioia, dal libro omonimo di Goliarda Sapienza, diretta da Valeria Golino. Infine, si potrà rivedere il restauro di Sbatti il mostro in prima pagina, film del 1972 di Marco Bellocchio.

Tra i film fuori concorso, attesissimo, c’è Furiosa: A Mad Max Saga di George Miller, il quinto capitolo della serie di Mad Max con protagonista Anya Taylor-Joy.

A presiedere la giuria quest’anno c’è Greta Gerwig, la regista di Barbie. Della giuria fa parte anche Pierfrancesco Favino.

Qui di seguito tutti i film in rassegna al 77° Festival di Cannes:

SELEZIONE UFFICIALE

IN CONCORSO

All We Imagine as Light (Payal Kapadia)

L’Amour ouf (Gilles Lellouche)

Anora (Sean Baker)

Bird (Andrea Arnold)

Caught by the Tides (Jia Zhangke)

Diamant brut (Agathe Riedinger)

Emilia Perez (Jacques Audiard)

Grand tour (Miguel Gomes)

Kinds of Kindness (Yórgos Lánthimos)

Limonov – The Ballad (Kirill Serebrennikov)

Les Linceuls (David Cronenberg)

Marcello mio (Christophe Honoré)

Megalopolis (Francis Ford Coppola)

Motel Destino (Karim Aïnouz)

Oh, Canada (Paul Schrader)

Parthenope (Paolo Sorrentino)

La plus précieuse des marchandises (Michel Hazanavicius)

The Apprentice (Ali Abbasi)

The Girl with the Needle (Magnus von Horn)

The Seed of the Sacred Fig (Mohammad Rasoulof)

The Substance (Coralie Fargeat)

Trois kilomètres jusqu’à la fin du monde (Emanuel Parvu)

FUORI CONCORSO

L’arte della gioia (Valeria Golino)

Le Comte de Monte-Cristo (Alexandre de la Patellière e Matthieu Delaporte)

Le Deuxième Acte (Quentin Dupieux)

Furiosa: A Mad Max Saga (George Miller)

Horizon, an American Saga (Kevin Costner)

Rumeurs (Guy Maddin, Evan Johnson e Galen Johnson)

She’s Got No Name (Peter Ho-Sun Chan)

PROIEZIONI DI MEZZANOTTE

Les Femmes au balcon (Noémie Merlant)

I, the Executioner (Seung Wan Ryoo)

The Surfer (Lorcan Finnegan)

Twilight of the Warriors: Walled In (Pou-soi Cheang)

CANNES PREMIÈRE

C’est pas moi (Leos Carax)

En fanfare (Emmanuel Courcol)

Everybody Loves Touda (Nabil Ayouch)

Maria (Jessica Palud)

Miséricorde (Alain Guiraudie)

Rendez-vous avec Pol Pot (Rithy Panh)

Le Roman (Jim d’Arnaud Larrieu e Jean-Marie Larrieu)

Vivre, mourir, renaître (Gaël Morel)

UN CERTAIN REGARD

Armand (Halfdan Ullmann Tøndel)

Boku no Ohisama (Hiroshi Okuyama)

I dannati (Roberto Minervini)

Flow (Gints Zilbalodis)

Gou Zhen (Guan Hu)

L’Histoire de Souleymane (Boris Lojkine)

Niki (Céline Sallette)

Norah (Tawfik Alzaidi)

On Becoming a Guinea Fowl (Rungano Nyoni)

Le Procès du chien (Laetitia Dosch)

Le Royaume (Julien Colonna)

Santosh (Sandhya Suri)

September Says (Ariane Labed)

The Shameless (Konstantin Bojanov)

The Village Next to Paradise (Mo Harawe)

Viêt and Nam (Minh Quy Truong)

Vingt dieux ! (Louise Courvoisier)

When the Light Breaks (Runar Rúnarsson)

PROIEZIONI SPECIALI

An Unfinished Film (Lou Ye)

Apprendre (Claire Simon)

La Belle de Gaza (Yolande Zauberman)

Ernest Cole, photographe (Raoul Peck)

Le Fil (Daniel Auteuil)

L’Invasion (Sergueï Loznitsa)

Lula (Oliver Stone)

Nasty (Tudor Giurgui)

Spectateurs! (Arnaud Desplechin)

QUINZAINE DES CINÉASTES

À son image (Thierry de Peretti)

Christmas Eve In Miller’s Point(Tyler Taormina)

La Chute du ciel (Eryk Rocha e Gabriela Carneiro da Cunha)

Desert of Namibia (Yôko Yamanaka)

East of Noon (Hala Elkoussy)

Eat the Night (Caroline Poggi e Jonathan Vinel)

Eephus (Carson Lund)

Gazer (Ryan J. Sloan)

Ghost Cat Anzu (Yôko Kuno e Nobuhiro Yamashita)

Good One (India Donaldson)

Los hiperbóreos (Cristóbal León e Joaquín Cociña)

Ma vie ma gueule (Sophie Fillières)

Mongrel (Chiang Wei Liang e You Qiao Yin)

Les Pistolets en plastique (Jean-Christophe Meurisse)

La Prisonnière de Bordeaux (Patricia Mazuy)

Savanna and the Mountain (Paulo Carneiro)

Septembre sans attendre (Jonás Trueba)

Sister Midnight (Karan Kandhari)

Algo viejo, algo nuevo, algo prestado (Hernán Rosselli)

To a Land Unknown (Mahdi Fleifel)

Une langue universelle (Matthew Rankin)

SEMAINE DE LA CRITIQUE

Animale (Emma Benestan)

Baby (Marcelo Caetano)

Blue Sun Palace (Constance Tsang)

Les Fantômes (Jonathan Millet)

Julie Keeps Quiet (Leonardo Van Dijl)

Locust (KEFF)

La Mer au loin (Saïd Hamich Benlarbi)

La Pampa (Antoine Chevrollier)

Rafaat einy ll sama (Nada Riyadh e Ayman El Amir)

Les Reines du drame (Alexis Langlois)

Simón de la montaña (Federico Luis Tachella)

ACID

Ce n’est qu’un au revoir (Guillaume Brac)

Château rouge (Hélène Milano)

Fotogenico (Marcia Romano e Benoît Sabatier)

In Retreat (Maisam Ali)

It Doesn’t Matter (Josh Mond)

Kyuka – Before Summer’s End (Kostis Charamountanis)

Mi bestia (Camila Beltrán)

Most People Die on Sundays (Iair Said)

Un pays en flammes (Mona Convert)

(Foto: Celeste dalla Porta e Paolo Sorrentino – Photo © Hollywood Authentic-Greg Williams)