Il neoregista Ewan McGregor parla della sua prima esperienza dietro alla macchina da presa: la trasposizione cinematografica di un capolavoro della letteratura americana firmato dal Premio Pulitzer Philip