Venezia 79, il premio Pasinetti 2022 va al film Siccità di Paolo Virzì

Va a Siccità di Paolo Virzì – fuori concorso alla Mostra numero 79 – e al cast corale dei suoi protagonisti il Premio Francesco Pasinetti 2022 assegnato a Venezia, come tradizione, dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI).

Lo ha annunciato il Direttivo del sindacato, precisando che il vincitore è stato scelto considerando tutti i film italiani presentati nelle diverse sezioni e sottolineando, comunque, la qualità e l’originalità delle proposte viste nelle diverse sezioni e in particolare nella rosa di Venezia 79, ricca di opere che confermano la vivacità e la vocazione anche internazionale di un cinema che, grazie anche all’offerta della Mostra, merita di riaccendere l’attenzione del pubblico nelle sale.

 

La motivazione

Siccità, nella rappresentazione distopica di una realtà messa a dura prova da una catastrofe mette a fuoco la confusione di un tempo che la pandemia e la crisi, anche economica, rende ancora più difficile mettendo in primo piano la difficoltà delle solitudini, che Virzì mette in scena anche con lo sguardo alla tradizione della commedia italiana, grazie a un cast corale nel quale spiccano con diverse sfumature i personaggi interpretati da Silvio Orlando, Valerio Mastandrea, Elena Lietti, Tommaso Ragno, Claudia Pandolfi, Vinicio Marchioni, Monica Bellucci, Diego Ribon, Max Tortora, Emanuela Fanelli, Gabriel Montesi e Sara Serraiocco.

Il film nasce da un soggetto di Paolo Giordano e Paolo Virzì. Scritto da Francesca Archibugi, Paolo Giordano, Francesco Piccolo e Paolo Virzì, è una produzione Wildside, società del gruppo Fremantle e Vision Distribution, in collaborazione con Sky e con Prime Video. Sarà nelle sale dal 29 settembre per Vision Distribution.

Il premio annunciato al Lido sarà consegnato nei prossimi giorni a Roma.