Un’anima in “Penn”: aspettando il nuovo film sull’Ucraina, ci godiamo Una vita in fuga, al cinema

(di Antonella Putignano) La versatilità di Sean Penn attore è anche quella del Penn regista. Dal 31 marzo, in sala, l’ultimo film dell’artista, Una vita in fuga  tratto dal libro biografico  Flim-Flam Man: The True Story Of My Father’s Counterfeit Life di Jennifer Vogel.

Ad interpretare la protagonista nell’adattamento cinematografico della storia è Dylan Penn, la figlia di Sean, per la prima volta in un ruolo da protagonista. La trama mescola avventura, azione, legami familiari e sentimenti. Il  film, presentato al Festival del Cinema di Cannes, ha richiesto un lavoro molto lungo. Le riprese, infatti,  sono cominciate nel 2019.  Un’attesissima prova per Penn nei panni di un abilissimo falsario. Otre a Dylan, nel film, c’è anche , Hopper Jack Penn, l’altro figlio del regista, che interpreta il ruolo del fratello di Jennifer: così Penn, oltre a superare,come sempre, la prova al botteghino, vincerà la medaglia come padre attento e premuroso nella distribuzione dei “regali” per la famiglia. Aspettiamo tutti, il prima possibile, il film sulla Pace: non in sala, ma nello schermo del mondo.

Antonella Putignano