Family album di Francesco Di Fiore: un album che è anche un film

Family Album di Francesco Di Fiore è il nuovo lavoro del pianista siciliano, uscito il 5 novembre per l’olandese Zefir Records sui mercati internazionali, per poi approdare nei negozi di dischi italiani i primi di dicembre. Un lavoro che ha tanto, tantissimo di cinematografico, proprio nella sua dinamica narrativa: quattordici tracce per pianoforte che ridipingono un viaggio nella memoria e nei ricordi del pianista e compositore.

Francesco Fiore per la realizzazione del suo lavoro prende spunto dallo sfogliare gli album di famiglia, un gesto che gli evoca ricordi malinconici, ma forse non solo, e lo ispira nella sceneggiatura di un album rarefatto e complesso. Ascoltando le ben quattordici tracce, infatti, quello che ci si dipinge davanti è lo srotolarsi di un racconto lungo il quale viviamo la suggestione delle emozioni del suo autore, i luoghi della sua infanzia, le immagini sfuocate dei volti dei protagonisti di queste storie lontane. Che potrebbero essere anche quelle dei nostri di genitori e parenti e amici lontani: racconti perduti ormai nell’orizzonte della mente. L’intero album è, non a caso, dedicato al padre di Francesco: fu lui a consegnare al pianista l’album di famiglia. 

La capacità creativa e di scrittura di Di Fiore rendono l’album particolarmente raffinato, complice la vicinanza personale dei temi raccontati che permettono quello che, si direbbe in psicologia, sia il transfert che il controtransfert, sia l’immedesimazione che il superamento.. 

All’interno delle tracce è possibile trovare delle curiosità: l’album si apre e si chiude con il suono di una motocicletta, la BMW di Francesco Fiore. Una motocicletta che in questo caso diventa vero strumento musicale. Ed è proprio con questa moto che il compositore ha raggiunto gli studi della Zeeuwse Concertzaal di Middelburg, nei Paesi Bassi, dove è stato registrato e prodotto il disco da Jakko van der Heijden. 

Una seconda importante particolarità: l’intero album è disponibile in partitura. Sul retro di copertina è riportato, infatti, un codice QR che rimanda ad un contenuto speciale. Una pagina internet che riporta le istruzioni per ottenere tutte le partiture, ciascuna corredata da una breve presentazione del brano.