Intermezzo, il 21 e 22 LUGLIO al MACRO di Roma l’arte contemporanea incontra il cinema e la musica

Riflettere sui confini osmotici tra arte contemporanea e cinema, per promuovere uno scambio attivo tra gli spazi museali e il circuito cinematografico. È questo l’obiettivo di Intermezzo, l’evento promosso dalla casa di produzione Dugong Films, in occasione dei suoi dieci anni di attività, che anima il cortile del MACRO – Museo d’Arte Contemporanea di Roma il 21 e 22 luglio per due giorni di proiezioni, incontri con gli artisti e live set.

Yuri Ancarani, Rä di Martino e Flatform sono i tre artisti internazionali, autori delle opere audiovisive scelte per le proiezioni, e proposte in un originale allestimento che si “espande” nella galleria vetrata del museo. Dialogano con i film, anticipandoli o seguendoli, gli “intermezzi” musicali di Max Casacci, Matteo Pit, Conversation Piece, Giulia Tagliavia.

Intermezzo si apre mercoledì 21 luglio con “Quello che verrà è solo una promessa” (foto sopra e sotto), l’opera di Flatform, presentata per la prima volta a Roma. Collettivo artistico con base a Milano e Berlino, riconosciuto come uno dei gruppi video più importanti e apprezzati della scena internazionale, Flatform è noto per i suoi lavori incentrati sul rapporto con il paesaggio nelle sue diverse declinazioni. Presentato in anteprima al Festival di Cannes nel 2019, il film è un unico lungo piano sequenza attraverso l’isola di Funafuti, nell’arcipelago di Tuvalu, teatro da qualche anno di un fenomeno unico: per effetto del surriscaldamento del mare l’acqua salata risale dal sottosuolo, affiora attraverso le porosità dei terreni e li allaga mettendo a rischio il futuro della vita sull’isola.

Nella stessa sera in programma altri due film, entrambi premiati dall’Eurimages Lab Project Award, in un’inedita versione “Remix”: “Tutto l’oro che c’è” di Andrea Caccia e “Controfigura” di Rä di Martino.

“Tutto l’oro che c’è” è un’esperienza estatica e immersiva nel Parco del Ticino, che sarà accompagnata dal live set di Max Casacci e il suo progetto Earthphonia, che raccoglie i suoni della natura, i rumori, i versi degli animali, gli schiocchi delle radici, per trasformarli in vere e proprie sinfonie senza l’utilizzo di strumenti musicali.

Controfigura” (foto sotto), è un viaggio meta-cinematografico che attraversa idealmente la città di Marrakech, tra piscine lussureggianti e il deserto circostante, e sarà musicato dal vivo dai Conversation Piece, il nuovo progetto musicale di Simone Alessandrini, Simone Pappalardo e Mauro Remiddi, nato durante la loro residenza nel programma Prender-si cura al Mattatoio lo scorso maggio, un materiale sonoro fatto di campionamenti e manipolazioni di sax e voce che si fondono fino a perdere qualsiasi riconoscibilità.

La serata di giovedì 22 luglio si apre con il live set “Scratched memories” di Giulia Tagliavia, pianista e compositrice, che per l’occasione rielabora le musiche realizzate per “Samouni Road”, il film di Stefano Savona, che ha vinto il premio Œil d’Or come miglior documentario del Festival di Cannes.

Segue un viaggio ipnotico e magico con due film di Yuri Ancarani, i cui lavori nascono da una continua fusione fra arte e cinema documentario, con uno sguardo che è stato definito dal New York Times “etnografia sensoriale”, caratterizzato da una narrazione che esplora luoghi abitualmente poco visibili. 

Sèance”, è stato girato a Torino dentro le stanze della spettacolare Casa Mollino, ambiente stratificato e ricco di segni appartenuto all’architetto, fotografo e designer, scomparso nel 1973. Mollino viene evocato dalla sensibilità medianica di Albania Tomassini. Un singolare colloquio in cui Mollino precisa senso e intenti dell’enigmatica vita trascorsa e la nuova rotta verso la perfezione, possibile solo in altre dimensioni.

Whipping Zombie” è un film ipnotico girato in un remoto villaggio di Haiti, che racconta di una danza rituale in cui si mettono in scena le dinamiche del periodo della schiavitù. È la danza degli zombi. Al ritmo di una musica martellante, che induce la trance evocando la ritmica del lavoro muscolare, gli uomini si frustano e lottano fino a soccombere e rinascere in un ciclo infinito.

Come intermezzo tra i due film un suggestivo dj set di Matteo Pit, artista multidisciplinare che lavora tra musica e arti performative, fondatore della band di musica sperimentale Primitive Art e direttore creativo di Club Adriatico, una delle finestre sulla musica elettronica più interessanti in Italia.

Completano il programma di Intermezzo due talk che si sviluppano sul tema di una nuova filiera tra arte e cinema e coinvolgono diverse personalità e istituzioni che operano al confine tra questi due mondi.

INFO

21-22 LUGLIO

Ore 18.30 – 24.00

MACRO – Museo d’Arte Contemporanea di Roma

Via Nizza 138, 00198 Roma

Ingresso gratuito

www.museomacro.it

PROGRAMMA

MERCOLEDÌ 21 LUGLIO 2021

// 18.30 Auditorium

Talk: “Sistemi in divenire: per una nuova filiera tra arte e cinema”.
Intervengono: Fabio De Chirico ( Direttore Servizio Imprese Culturali e Creative, Moda e Design – Direzione Generale Creatività Contemporanea – Ministero Della Cultura), Iole Maria Giannattasio (Attività Internazionali, Direzione Generale Cinema – Ministero Della Cultura), Davide Giannella (Curatore Indipendente, Comitato Artistico Triennale Teatro), Luca Lo Pinto (Direttore Artistico Museo Macro), Leonardo Bigazzi (Fondazione In Between Art Film / Lo schermo dell’arte), Marco Alessi (Dugong Films),

// Galleria vetrata 21.30 – 23.45

// 21.30

Quello che verrà è solo una promessa di Flatform (22’) / proiezione

// 22.00

Tutto l’oro che c’è – Remix di Andrea Caccia (40’)

con live performance di Max Casacci – Earthphonia  / live set e proiezione

// 22.45

Controfigura” – Remix di Rä di Martino (40’)

musicato dal vivo di Conversation Piece

(Simone Alessandrini, Simone Pappalardo, Mauro Remiddi) / live set e proiezione

GIOVEDI’ 22 LUGLIO 2021

// 18.30 Auditorium

Talk: “Sergio Fant in conversazione con Yuri Ancarani e Davide Giannella in conversazione con Rä di Martino

//Galleria vetrata 21.30 – 23.45

// 21.30 Scratched memories di Giulia Tagliavia (20’) / live set e proiezione

Frammenti rielaborati della colonna sonora dal film “Samouni Road di Stefano Savona

// 22.00 Séance” di Yuri Ancarani (30’)

// 22.30

Dj set di Matteo Pit ( 40’)

// 23.15

Whipping Zombie di Yuri Ancarani (27’)

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *