Rock is dead: il libro nero sui misteri della musica che potrebbe diventare un film o una serie tv

(di Renato Marengo) Nuove storie, nuovi misteri, nuovi personaggi della musica restituiti all’immaginario collettivo attraverso il racconto della loro morte… Dopo un libro di successo e numerose ore a raccontare il mistero della singolare, insolita e talvolta misteriosa scomparsa di tanti musicisti di epoche più vicine e più lontane, F.T. Sandman ed Episch Porzioni hanno ripreso la penna, anzi la tastiera, fra le dita per scrivere una nuova versione del loro Rock is dead che esce per Il Castello con 19 nuove storie, importanti aggiornamenti delle vecchie e diventa, a tutti gli effetti, il Libro nero sui misteri della musica corredato da 76 foto inedite. Un viaggio nel tempo e fra i continenti che attraversa secoli e mari per raccontare storie talvolta inedite o rimaste avvolte nel mistero.

Che cosa si nasconde dietro il volo maledetto di Aaliyah? Che cosa collega la morte di Chris Cornell e Chester Bennington? Che cosa c’è dietro la morte del fondatore dei Velvet Underground Angus Maclise? E, facendo un passo indietro nel tempo, come mai Alessandro Stradella fu assassinato sui gradini di una chiesa?

Quasi cinquecento pagine per raccontare l’altra faccia, quella nera e misteriosa, della celebrità. Fra i nomi nuovamente approfonditi: la scomparsa dei mitici Jimi Hendrix, Jaco Pastorius dei Weather Report (troppo velocemente attribuite a overdose) e molti altri. Nel libro anche domande come questa: come mai l’ascolto di Gloomy Sunday ha fatto suicidare così tante persone? Chi è quel maledetto che ha ucciso e violentato Mia Zapata? E Jim Morrison è veramente deceduto in quella vasca a Parigi? Come dimenticare il grande cantastorie cileno Victor Jara, barbaramente assassinato dopo che gli furono con dispregio  persino tagliate le mani da straordinario chitarrista dalle milizie di Pinochet? Per non parlare di Dean Reed, una sorta di nuovo Elvis ma di fede comunista, che venne boicottato negli Stati Uniti ma si affermò nel blocco sovietico prima di scomparire misteriosamente. Non meglio andò ad Angus Maclise, fondatore dei Velvet Underground, finito arso su una pira funeraria a Katmandu mentre Lucky Dube, portavoce dei neri sudafricani e star del reggae, venne freddato in un parcheggio.

La prefazione è affidata magistralmente a Omar Pedrini: un protagonista della musica che la sua vita l’ha rischiata, più volte. E che, miracolosamente, ora può raccontarlo. “In questo libro avrei dovuto esserci anch’io – ci spiega nella prefazione – cioè, ho involontariamente provato a esserci diciamo, non solo una, bensì tre o quattro volte. Non mi hanno voluto.”

Gli autori

F.T. Sandman, al secolo Federico Traversa, si occupa da anni di musica e questioni sociali.

Ha scritto libri e collaborato con molti volti noti della controcultura – Tonino Carotone, Manu Chao, Ky-Many Marley – senza mai tralasciare le tematiche di quelli che stanno laggiù, in fondo alla fila.

La sua svolta come uomo e come scrittore è avvenuta grazie all’incontro con il noto prete genovese Don Andrea Gallo, con cui ha firmato due libri di successo.

Insieme allo scrittore Episch Porzioni conduce sulle frequenze di Radio Popolare Network, il fortunato programma Rock Is Dead, dedicato alle morti misteriose dei volti noti e meno noti del mondo della musica.

Epìsch Porzioni si nutre da sempre di pane e di musica. Ha pubblicato, fra i tanti suoi libri, Lo Spettro – prima biografia autorizzata del rapper Fabri Fibra – Trent’Anni in Levare (insieme a Bunna e Madaski degli Africa Unite), Kurt Cobain Dossier e Chris Cornell L’Ultimo Martire del Grunge. Al mondo chiede di essere amato ma da distante.

Insieme allo scrittore Federico Traversa conduce dal 2017 sulle frequenze di Radio Popolare Network, il fortunato programma Rock Is Dead, dedicato alle morti misteriose dei volti noti e meno noti della musica.

Rock is dead: il libro nero sui misteri della musica

F.T. Sandman/Episch Porzioni

Il Castello

Formato: 15×21

Pagine: 464