Venezia 77, The Book of Vision di Carlo S. Hintermann ha aperto la SIC 35. Al Lido anche uno speciale shooting fotografico

Visionario racconto sospeso tra vita e morte, tra passato e presente, The Book of Vision, primo lungometraggio di Carlo S. Hintermann, ha aperto la 35. Settimana Internazionale della Critica di Venezia. In sala il regista Carlo S. Hintermann e il cast Charles DanceLotte Verbeek e i giovanissimi Rocco Gottlieb e Justin Korovkin.

Il lavoro del regista non è quello di imporre la propria volontà, ma fare in modo che tutti i professionisti coinvolti possano contribuire al meglio alla realizzazione dell’opera”: al termine della proiezione ufficiale di The Book of Vision, Carlo S. Hintermann ha commentato con queste parole l’esperienza dietro la cinepresa per il suo primo lungometraggio.

In seguito all’anteprima del film, si è tenuto uno speciale shooting fotografico sul lido dell’iconico Hotel Excelsior. Il cast ha posato con sette comparse con il corpo totalmente dipinto come i misteriosi “uomini neri” di he Book of Vision, ricreando con le loro pose plastiche le atmosfere dark e suggestive del film.