Dplay Plus, per il ciclo Walter Presents tre nuove serie in streaming sulla piattaforma Discovery: The River, Mother Is Wrong e Acquitted

Per il ciclo Walter Presents, da venerdì 1° maggio in esclusiva sulla piattaforma Dplay Plus debuttano tre nuove serie internazionali: il crime norvegese The River, il thriller psicologico francese Mother Is Wrong e il dramma norvegese Acquitted.

Ecco le trame nel dettaglio

THE RIVER (8×60)

Nel piccolo villaggio di Djupelva, Norvegia, gli inverni sono freddi, bui e interminabili. Il confine con la Russia si trova appena dietro le montagne. Quando una giovane sami scopre il corpo senza vita di un ragazzo, l’ufficiale di polizia Thomas Lønnhøiden (Espen Reboli Bjerke) dà inizio alle indagini. Con l’aiuto della poliziotta Mia Holt (Ingeborg Raustøl), Thomas è determinato a scoprire la verità: perchè le autorità non intervengono? E cosa si nasconde sulle montagne? Basata su eventi reali, la serie è un viaggio lungo il fiume verso una landa desolata dove le regole non esistono e il tempo sembra essersi fermato. I poliziotti scopriranno che il villaggio nasconde terribili segreti e che la comunità locale è disposta a tutto pur di nascondere la verità.

MOTHER IS WRONG (6×60)

Nella città portuale di Le Havre, nel nord della Francia, la serie, tratta dall’ominimo romanzo di Michel Bussi, racconta due diversi casi apparentemente non correlati. Malone Mouline (Tom d’Ornano) è un bambino di tre anni convinto che la madre e il padre non siano i suoi veri genitori. Superato l’iniziale scetticismo, la detective Marianne Aubrais (Anne Charrier) decide di credere alle parole di Malone, supportato anche dal suo psicologo Vasile (Samuel Theis). Nel frattempo, la poliziotta è alle prese con una rapina da sei milioni di euro, per cui è stata individuata una nuova pista. Ma le indagini si complicano, e la relazione romantica tra Marianne e Vasile rende gli equilibri ancora più fragili.

ACQUITTED (10×60

Aksel Borgen (Nicolai Creve Boch), poco più che adolescente, è accusato dell’omicidio della fidanzata, Karine. Anche se assolto e dichiarato innocente, l’intera comunità di Lifjord lo ritiene colpevole e il giovane è costretto a fuggire. Dopo aver passato 20 anni in Asia ed essere diventato un businessman di successo, Aksel decide di tornare nella sua città. L’azienda locale più importante, infatti, è sull’orlo della bancarotta e lui è l’unico che può risollevarla, salvando così anche i suoi abitanti. Il suo ritorno, però, fa riaffiorare i ricordi dell’omicidio ancora irrisolto, e presto Aksel, tormentato dal passato, si rende conto di non essere il benvenuto.