David di Donatello 2019, trionfa Dogman con nove premi. Il miglior attore è Alessandro Borghi per Sulla mia pelle

Dopo una mattinata all’insegna dell’ilarità, grazie alla spumeggiante conduttrice Geppi Cucciari, e dell’autorevolezza istituzionale, per merito del presidente della Repubblica Sergio Mattarella (“Full Metal Sergio” per la Cucciari), i David di Donatello 2019 sono stati ufficialmente assegnati con una sobria cerimonia presentata da Carlo Conti in diretta su Raiuno.

Il trionfatore della 64esima edizione degli “Oscar” del cinema italiano è stato Dogman di Matteo Garrone, con ben nove statuette conquistate, tra le quali quelle per il miglior film e per la regia, ma uno dei premi più significativi è stato quello assegnato al miglior attore, Alessandro Borghi per l’interpretazione di Stefano Cucchi in Sulla mia pelle di Alessio Cremonini, al quale è andato il riconoscimento come miglior regista esordiente. Un premio questo dal significato speciale. La pellicola, infatti, oltre ad aver riportato l’attenzione su un fatto di cronaca doloroso e controverso, è la prima targata Netflix a ricevere il David.

La migliore protagonista femminile è risultata Elena Sofia Ricci per Loro di Paolo Sorrentino, mentre come non protagonista è stata premiata Marina Confalone per Il vizio della speranza di Edoardo De Angelis. Attore non protagonista: Edoardo Pesce, il Simone carnefice-vittima di Dogman. Santiago, Italia di Nanni Moretti ha vinto il David al miglior documentario. Il miglio film straniero è Roma di Alfonso Cuaron, altra pellicola Netflix.

Il David for Cinematic Excellence 2019 è andato a Tim Burton, David speciale, invece, a Uma Thurman, Dario Argento e Francesca Lo Schiavo.

Questo l’elenco completo dei premi e dei premiati:

MIGLIOR FILM

DOGMAN

REGIA DI MATTEO GARRONE

MIGLIORE REGIA

DOGMAN

REGIA DI MATTEO GARRONE

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE

SULLA MIA PELLE

REGISTA ESORDIENTE ALESSIO CREMONINI

MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE

DOGMAN

MATTEO GARRONE – MASSIMO GAUDIOSO – UGO CHITI

MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

CHIAMAMI COL TUO NOME

JAMES IVORY – LUCA GUADAGNINO – WALTER FASANO

MIGLIOR PRODUTTORE

SULLA MIA PELLE

CINEMAUNDICI – LUCKY RED

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA

LORO

ELENA SOFIA RICCI

MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA

SULLA MIA PELLE

ALESSANDRO BORGHI

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA

IL VIZIO DELLA SPERANZA

MARINA CONFALONE

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA

DOGMAN

EDOARDO PESCE

MIGLIORE AUTORE DELLA FOTOGRAFIA

DOGMAN

NICOLAJ BRÜEL

MIGLIORE MUSICISTA

CAPRI-REVOLUTION

SASCHA RING – PHILIPP THIMM

MIGLIORE CANZONE ORIGINALE

CHIAMAMI COL TUO NOME

“MISTERY OF LOVE” – MUSICA, TESTO E INTERPRETAZIONE DI SUFJAN STEVENS

MIGLIORE SCENOGRAFO

DOGMAN

DIMITRI CAPUANI

MIGLIORE COSTUMISTA

CAPRI-REVOLUTION

URSULA PATZAK

MIGLIORE TRUCCATORE

DOGMAN

DALIA COLLI – LORENZO TAMBURINI

MIGLIOR ACCONCIATORE

LORO

ALDO SIGNORETTI

MIGLIORE MONTATORE

DOGMAN

MARCO SPOLETINI

MIGLIOR SUONO

DOGMAN

PRESA DIRETTA: MARICETTA LOMBARDO – MICROFONISTA: ALESSANDRO MOLAIOLI – MONTAGGIO: DAVIDE FAVARGIOTTI – CREAZIONE SUONI: MAURO EUSEPI, MIRKO PERRI – MIX: MICHELE MAZZUCCO

MIGLIORI EFFETTI VISIVI VFX

IL RAGAZZO INVISIBILE – SECONDA GENERAZIONE

VICTOR PEREZ

DAVID GIOVANI

SULLA MIA PELLE

REGIA DI ALESSIO CREMONINI

DAVID DELLO SPETTATORE

A CASA TUTTI BENE

REGIA DI GABRIELE MUCCINO

MIGLIOR DOCUMENTARIO

SANTIAGO, ITALIA

REGIA DI NANNI MORETTI

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

FRONTIERA

REGIA DI ALESSANDRO DI GREGORIO

MIGLIOR FILM STRANIERO

ROMA

REGIA ALFONSO CUARÓN