Far East Film Festival 20: la pellicola d’apertura, Steel Rain, condivisa con Netflix, per la prima (e unica) volta sul grande schermo

(di Stefano Salvatori) Quella del Far East Film Festival numero 20 è una serata d’apertura unica al mondo. Non solo per la qualità cinematografica dei due titoli che, venerdì 20 aprile, aprono ufficialmente la ventesima edizione, lo spy thriller coreano Steel Rain e il noir malesiano Crossroads: One Two Jaga, ma proprio per la caratteristica specifica del primo titolo. Rispetto agli altri ottanta film del programma, infatti, Steel Rain è condiviso con Netflix.

Nessuno, al di fuori della Corea, ha mai visto il film sul grande schermo di un cinema e nessuno, fuori dalla sala del Feff 20, lo vedrà mai. Una novità importante, storica, perfettamente allineata con la filosofia del Far East Film Festival 20: guardare ai prossimi vent’anni e non celebrare quelli appena trascorsi. Capire e intercettare i cambiamenti del pubblico alla luce dei cambiamenti dell’industria e del mercato.

Il Feff interpreta la diversa fruizione di un film (grande schermo o display “domestico”) non come una contrapposizione, ma come una risorsa.

Se ti piace questa notizia, resta aggiornato con CINECORRIERE direttamente su Facebook

Alle 20.00, quindi, appuntamento con Steel Rain di Yang Woo-seok (World Festival Premiere). Corea del Nord e Corea del Sud: la guerra nucleare non è mai stata così vicina. Il countdown corre velocissimo e il destino dei due Paesi, ma forse del mondo intero, si trova ora nelle mani di pochi uomini. Riusciranno due grandi nemici, un agente del Nord e un alto funzionario del Sud, a unire provvisoriamente le forze per disinnescare la catastrofe? Tutto il meglio dello spy thriller coreano in un super action davvero esplosivo.

Se ti piace questa notizia, resta aggiornato con CINECORRIERE direttamente su Facebook

Alle 22.40, tocca poi a Crossroads: One Two Jaga di Nam Ron (Prima mondiale). Un thriller senza compromessi, un’opera controcorrente che dipinge con coraggio la livida realtà radicata nella Malesia di oggi. Tra immigrazione clandestina e forze dell’ordine corrotte. Joko, figlio di un immigrato indonesiano, viene invitato da Adi, figlio del boss del padre, ad aiutarlo a fare il lavoro sporco. Il padre è riluttante ma deve risolvere anche il problema della sorella clandestina che vuole rientrare in Indonesia.

L'Isola del cinema di Roma
Exit Popup for Wordpress