Addio a Roger Moore, sette volte 007

È ricordato soprattutto per aver interpretato James Bond. Con sette film all’attivo (Vivi e lascia morire, L’uomo dalla pistola d’oro, La spia che mi amava, Moonraker – Operazione spazio, Solo per i tuoi occhi, Octopussy – Operazione piovra, Bersaglio mobile) è a tutt’oggi l’agente 007 più longevo. Ma Roger Moore, scomparso il 23 maggio all’età di 89 anni, è stato il protagonista di decine di altre produzioni, tra cinema e televisione.

Sul piccolo schermo, per esempio, i fan più maturi lo ricorderanno senz’altro nel ruolo di Simon Templar, ne Il Santo (1962-1969), serie tv che segnò la sua consacrazione, ma anche nel telefilm Attenti a quei due. Soltanto 24 episodi interpretati al fianco di Tony Curtis tra il 1971 e il 1972, ma baciati da un incredibile successo internazionale.

Se ti piace questa notizia, resta aggiornato con CINECORRIERE direttamente su Facebook

Grazie a Bond, Roger Moore è stato l’eroe di molti altri film d’avventura, come I 4 dell’Oca selvaggia, Attacco: piattaforma Jennifer e L’Oca selvaggia colpisce ancora. Altre sue caratteristiche erano l’umorismo e l’ironia tipicamente british, peculiarità messe in mostra in diverse commedie come Toccarlo… porta fortuna, I seduttori della domenica, La corsa più pazza d’America, Pantera Rosa – Il mistero Clouseau e Boat Trip.

La sua ultima apparizione cinematografica è stata quella del film The Carer (2016) di János Edelényi nel quale interpretava se stesso.

Se ti piace questa notizia, resta aggiornato con CINECORRIERE direttamente su Facebook

Exit Popup for Wordpress