La primavera di Anish Kapoor

Lo avevamo lasciato al Macro con una personale molto discussa, ora  Anish Kapoor torna a far parlare di sé. A Brooklyn, in primavera, l’artista indiano presenterà la scultura Descension. Fra il 3 maggio e il 10 settembre il lavoro verrà installato lungo l’Est River, il fiume che taglia il parco Bridge Park. È un enorme imbuto scuro che sembra portare verso il centro della terra dove su una superficie nera l’acqua scorre formando una continua spirale e finendo nel foro al centro del lavoro.

La scultura non è nuova ed è stata già presentata nel 2015 in scala ridotta alla Kochi-Muziris Biennale in India. L’opera newyorkese invece è stata realizzata per la Public Art Fund e il direttore della fondazione Nicholas Baume ha detto: «Il lavoro di Kapoor ci ricorda la contingenza delle apparenze: i nostri sensi, inevitabilmente ci ingannano. Descension è un lavoro attivo che risuona con i cambiamenti nella nostra comprensione ed esperienza del mondo».

Il lavoro è stato realizzato in occasione del quarantesimo anniversario della Public Art Fund e rientra in una serie di iniziative che hanno visto e vedranno alternarsi in luoghi pubblici vari artisti come Liz Glynn e Katja Novitskova.

Per  tornare a Kapoor, invece, non è la prima opera dell’artista a New York, pochi infatti possono dimenticare il loro riflesso specchiato sull’immenso Sky Mirror al Rockefeller Center.

by insideart.eu

Seguici sui nostri social!

Se vuoi essere sempre aggiornato puoi seguire Cinecorriere anche nei nostri social, fai click sul tuo social preferito!