L’emozione dei colori nell’arte al Castello di Rivoli

Grandi numeri e grandi nomi sono quelli in corso di allestimento nella mostra alla manica lunga del Castello di Rivoli e nelle sale della Gam di Torino. Curata da Carolyn Christov-Bakargiev, Marcella Beccaria, Elena Volpato, Elif Kamisli e aperta dal14 marzo a 23 luglio, l’esposizione è intitolata L’emozione dei colori nell’arte.

Se ti piace questa notizia, resta aggiornato con CINECORRIERE direttamente su Facebook

Il percorso raccoglie 400 opere d’arte realizzate da oltre 125 artisti provenienti da tutto il mondo che datano dalla fine del Settecento al presente. A unire gli autori, come da titolo, è il colore, le riflessioni personali realizzate su questa materia e le rivoluzioni formali messe a punto dagli artisti. Dalla scoperta dello spettro luminoso di Isaac Newton, passando per la teoria romantica di Johann Wolfgang von Goethe fino al famoso cerchio cromatico di Itten, la mostra racconta questo cammino artistico con lavori, fra i tanti di Matisse, Kandinsky, Klee, Balla, Munch, Fontana, Boetti, Paolini, Eliasson e Hirst.

A rendere ancora più particolare l’esposizione è il neuroscienziato Vittorio Gallese, che insieme a Giacomo Rizzolati ha scoperto i neuroni specchio. Gallese infatti dirigerà, per la prima volta a livello mondiale, un laboratorio di studio neuroscientifico incentrato sull’esperienza del pubblico di fronte a opere d’arte.

Se ti piace questa notizia, resta aggiornato con CINECORRIERE direttamente su Facebook

by insideart.eu

Exit Popup for Wordpress