Cercando fiori mai visti con Roberto Caracciolo

Il 25 febbraio scorso, alla Intragallery di Napoli, è stata inaugurata la mostra di Roberto Caracciolo Cercando fiori mai visti che resterà aperta fino al 31 marzo prossimo.

Nato negli Stati Uniti nel 1960, Caracciolo vive e lavora a Roma. Le sue origini sono napoletane e francesi; come artista sono forse da rintracciare nella lontana Dinastia Tang (618-907) oppure nel poeta giapponese Saigyō del Dodicesimo secolo, autore del titolo scelto per questa mostra. Questi maestri orientali, inventori di un’arte della semplicità, della contemplazione della natura, del desiderio di purezza e dell’alternanza tra parola e silenzio, sono presenti in tutto il lavoro e nell’universo mentale di Caracciolo. Se le opere esposte in questa mostra – ovvero le pitture a olio su tela, gli acquerelli su carta e le sculture in ceramica montate sul muro – svelano l’interesse dell’artista per sottili aspetti fisici del mondo materiale, tuttavia la principale attenzione di Caracciolo è rivolta al trascendentale. Egli infatti fa appello al nostro spirito con un’arte che rivela la falsa dicotomia tra astrazione e figurazione. Il processo creativo è spoglio, semplice e preciso. Non ci sono segreti nell’esecuzione dell’opera: ogni aspetto del processo pittorico è visibile allo stato nudo. Le pennellate sono fatte per essere visibili una per una. L’osservatore è invitato a essere testimone del modo preciso in cui la pittura a olio si posa sulla tela e in cui l’acquerello macchia ed entra dentro la tessitura della carta. La nostra attenzione è catturata e trattenuta da delicate striature e da infinite e calibrate gradazioni di tonalità. Gocce di colore si rivelano tracce di quell’istante passeggero, in cui l’artista mette a fuoco il suo pensiero nel mondo fisico. Gli effetti casuali non si possono definire non pianificati, la geometria è rigida ma intuitiva e suggerisce il ritmo della natura. Anche i colori essenziali, ovvero il bianco, il nero, il rosso, il verde e il blu, sono usati in maniera parsimoniosa ma intensa allo stesso tempo e sembrano esistere in modo indipendente, come pietre in un giardino giapponese. Le vibrazioni cromatiche che emanano dalle opere di Caracciolo ci invitano a dedicare del tempo alla contemplazioni silenziosa.

Roberto Caracciolo è proteso verso la natura e la sua rappresentazione nell’arte, e nella poesia, che “da sempre parte mi aiuta e guida nel lavoro. Mi piace leggere poesie e trarne energia, che mi dia una scintilla da cui far partire un’idea, che sia l’origine di un’immagine”. L’artista si sente particolarmente vicino a Paul Celan, che reputa un poeta enigmatico e dolente. Come Celan, Caracciolo è un poeta della tonalità, del tocco, delle proporzioni raffinate, che esalta un mestiere antico e, a lui, sacro.

by insideart.eu

Seguici sui nostri social!

Se vuoi essere sempre aggiornato puoi seguire Cinecorriere anche nei nostri social, fai click sul tuo social preferito!