La nuova mostra da Edicola Radetzky s’intitola La mia architettura suona in nero

Edicola Radetzky ospita un nuovo lavoro: una grande struttura nera scolpita in cera d’api, firmata da Jacopo Candotti con la curatela di Andrea Lacarpia. La mia architettura suona in nero è il titolo dell’evento, visibile come sempre giorno e notte fino al 26 novembre.

66_edicolaradetzky

Se ti piace questa notizia, resta aggiornato con CINECORRIERE direttamente su Facebook

Candotti modella la cera formando elementi decorativi, a volte calchi dall’architettura meneghina che come un’eco si riproduce nell’edicola. Se l’idea contemporanea di ornamento è legata al superfluo, l’artista sposta l’attenzione e costruisce il lavoro basandosi solo sulla decorazione che da elemento giocoso, secondario, diventa l’unico, si trasforma in elemento fondamentale. I vari elementi galleggiano sospesi in un lavoro quasi metafisico nel quale convivono elementi del modernismo architettonico accanto a citazioni gotiche.

Se ti piace questa notizia, resta aggiornato con CINECORRIERE direttamente su Facebook

By  INSIDEART

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit Popup for Wordpress