Il dialogo tra religioni comincia dalle donne

Si fa un gran parlare di questi tempi della parità di genere e dei diritti delle donne, argomento scottante che quest’anno sarà al centro del 19° Religion Today Filmfestival, rassegna cinematografica sul dialogo interreligioso in programma a Trento dal 7 al 17 ottobre.

19_sahra-karimi

Sono 53 i film realizzati da ogni angolo del mondo che i partecipanti potranno vedere e commentare con le protagoniste. Ecco i paesi coinvolti: Albania, Bangladesh, Canada, Cina, Cuba, Danimarca, Eau-Arabia Saudita-Qatar, Francia, Germania, India, Indonesia, Iran, Israele, Italia, Kurdistan iracheno, Libano, Marocco, Paesi Bassi, Pakistan, Palestina, Polonia, Spagna, Stati Uniti, Gran Bretagna e Usa.

Evento di respiro internazionale, vedrà di scena registe, attiviste, teologhe, comunicatrici. Straordinarie figure di donne in prima linea tra le quali Aruna Vasudev, stimata “madre” del cinema asiatico e Sahra Karimi (nella foto), prima – e finora unica – donna afgana con un dottorato in cinema e grande attivista per i diritti delle donne. E ancora Ruth Colian, colei che ha fondato un partito sfidando un establishment di mariti e di rabbini per dare voci all’ultraortodossia al femminile.

Pellicole, opere, incontri capaci di stimolare il dialogo e di consentirci di superare i confini geografici come solo l’arte è in grado di fare. Da non perdere per capire dove sta andando il mondo. Soprattutto quello delle donne.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri social!

Se vuoi essere sempre aggiornato puoi seguire Cinecorriere anche nei nostri social, fai click sul tuo social preferito!